Archivio tag | einaudi

La bellezza delle cose fragili

E quindi una persona non può perdere, né può mai dire di aver perso, una cosa a cui non ha mai dato il permesso di esistere sotto forma di pensiero.

Annunci

L’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio

“Grosso modo significa “nostalgia di casa”, o “malinconia”, ma se vuoi una definizione più precisa potrebbe essere “la tristezza senza ragione che il paesaggio infonde nel cuore degli uomini”.

Il sogno di volare

«E cosí forse potrei capirlo che scagliarmi con la bocca spalancata e le mani aperte, a strappare, colpire e stringere e mordere fino ad arrivare al cuore non è la soluzione, che quelli con cui me la prendo non sono le cause del male ma solo i sintomi e che qualche volta sono pure innocenti.

Mancarsi

Ci censuriamo continuamente per paura di deludere, offendere, restare soli. Non difendiamo i nostri pensieri e li svendiamo per poco o niente, barattandoli con la dose minima di quieto vivere che ci lascia in quella tollerabile infelicità che non capiamo nemmeno di cosa sia fatta, esattamente.

E poi, Paulette…

Una seconda chance è sempre possibile. Basta alzare lo sguardo e tendere la mano. Qualcuno la afferrerà.

Pastorale americana

Rimane il fatto che, in ogni modo, capire bene la gente non è vivere. Vivere è capirla male, capirla male e male e poi male e, dopo un attento riesame, ancora male. Ecco come sappiamo di essere vivi: sbagliando.

Le vendicatrici – Ksenia

Violenza, sesso, colpi di scena, protagoniste naif, come quasi sempre quando l’autore è un uomo